mercoledì 1 giugno 2011

IL PAGELLONE di Dalmax: Bra Basket - Gators

Gara uno va in archivio con una sconfitta. Nonostante il rammarico, proviamo a riderci sopra leggendo un’altra edizione del Pagellone. Nella speranza di una gara 2 in controtendenza, buona lettura e, più che mai, GO GATORS!!!!




IL PAGELLONE:

AMBROGIO: 7,5
Il profumo delle finali attrae il nostro Alligatore, letale nonostante la sconfitta della squadra. Nei tratti più bui, tuona con le sue celeberrime triple. Non basta marcarlo, ostacolarlo. Il risultato è sempre e solo il canestro. Inoltre garantisce un supporto a rimbalzo e nel smistare i passaggi vincenti. Tiene accese le speranze dei Gators, ma è troppo solo e predica spesso nel deserto. Ci sarà ancora bisogno delle sue giocate per contrastare i braidesi a Cavallermaggiore. ISOLATO.

BARUZZO: 6
Ha la “sfortuna” di essere un giocatore eccezionale e di conseguenza salta maggiormente all’occhio quando la prestazione è meno positiva. Tuttavia bisogna ricordare che il giovane Alligatore è all’esordio in un campionato di serie D, dove è arrivato addirittura alle finali. Oltre alla pressione intrinseca alla partita, la formazione braidese è tra le più titolate. Se poi aggiungiamo le non perfette condizioni fisiche durante la gara, non si può chiedere certo di più. Resta uno dei pilastri della squadra e giovedì ci sarà il riscatto. GIUSTIFICATO.

BOTTA: 7,5
Gioca con la freschezza di un ragazzino unita all’esperienza maturata in carriera. Crea i presupposti per l’allungo dei Gators, grazie a invenzioni mirabolanti ed efficaci. Gestisce con acribia ogni pallone, tramutandolo nella migliore giocata possibile. Un cecchino da fuori, rimane un pericolo costante per la difesa di Bra. Ha il merito di essere tra gli ultimi a mollare, lottando fino alla fine come un Alligatore. SEMPRE VERDE.

CERUTTI: 6
Cielo offuscato in regia, complice la difesa asfissiante di Bra. Nella prima metà di gara riesce a trovare gli spiragli giusti per assistere i compagni. Nella seconda parte invece si spegne a poco a poco assieme alla squadra, apparsa in difficoltà contro il cambio di difesa. Se però manca qualche spunto in attacco, è altrettanto vero che ogni pallone viene trattato con cura e raramente perso. Serve un cambio di marcia per gara 2. CONTENUTO.

GHIONE: 6+
Bersagliato ancora una volta dalle decisioni arbitrali, calca il parquet solo a sprazzi e non riesce ad entrare in partita con continuità. In alcuni tratti mostra tutta la sua abilità nel trovare il canestro in condizioni difficili, tuttavia le azioni vincenti sono sporadiche. Quando entra in ritmo sa fare davvero male agli avversari, dunque ci si aspetta maggiore leadership nella rivincita di giovedì, falli permettendo. PERSEGUITATO.

MISSENTI: 7+
In una serata negativa è una delle note più liete. E il giudizio va al di là della tripla dell’allungo o dei canestri nei momenti più difficili. L’atteggiamento del nostro Alligatore è encomiabile, tutto grinta e aggressività. Rimane sempre concentrato sia in attacco, dove sceglie le soluzioni migliori, sia in difesa, dove chiude ogni spazio. Lascia da parte il nervosismo e non si lascia condizionare dalla caratura degli avversari. SUPERLATIVO.

SABENA: 8
Non si risparmia in nessuna occasione. È impegnato nel difficile ruolo di contenere il pivot braidese, forse l’elemento più pericoloso. Nonostante la fatica profusa in difesa, trova la forza di dominare sotto le plance avversarie, catturando rimbalzi e confezionando canestri eccezionali. Nell’allungo di Cavallermaggiore è l’autentico protagonista della maggior parte dei punti segnati. Una sicurezza nell’incertezza della serata. IMMENSO.

SARVIA: 6+
Fa il suo dovere quando viene chiamato in causa, coprendo bene in difesa contro avversari più esperti. Lascia da parte il timore reverenziale dovuto all’importanza della sfida, garantendo un apporto notevole in termini di fisicità e tenacia. In attacco ragiona bene, senza lasciarsi prendere dalla frenesia. Manca qualche spunto in termini di punti, ma la performance è più che dignitosa per l’ultimo arrivato (nonché giovanissimo) in maglia Gators. ATTIVO.

SCOTTA: 6+
La sua partita rimane condizionata in toto dai falli, già 4 dopo circa metà partita. Non riesce così ad esprimere tutto il suo valore di uomo squadra e i compagni ne risentono. Quando rientra in campo cerca di recuperare il tempo trascorso in panchina assumendosi responsabilità importanti, ma l’inerzia è ormai tutta dalla parte di Bra. Difficile valutare la sua performance, ostacolata da fattori “esterni”. Senza dubbio un protagonista mancato, ma contiamo di rivederlo al meglio giovedì. RECINTATO.

ZUCCARELLI: 7+
Mantiene alto il suo standard personale, realizzando punti pesanti nei momenti topici. Non si lascia intimorire e non fa complimenti nel pitturato, rimanendo un saldo pilastro del team. Tutte le volte che viene servito crea sempre qualche grattacapo alla difesa di Bra, forte della sua concretezza. La prestazione non idilliaca della squadra di certo non lo aiuta, tuttavia ha saputo trovare i suoi spazi tra le maglie blu e colpire in più occasioni. FONDAMENTALE.

MONDINO-NASARI: 6/7
Di fronte alla corazzata Bra e alla tensione di quasi tutti i giocatori bianco rossi, hanno gestito bene la gara e le rotazioni. Spesso le loro idee si spengono di fronte a banali palle perse, che costituiscono il fio pagato dal team per un po’ di timore reverenziale. L’unica pecca è la difficoltà incontrata contro i cambi di difesa, particolare da risolvere in vista di gara 2. ASSEDIATI.

TIFOSERIA BRA: 6
Il voto è più per intuizione che per concreta valutazione. Infatti i sostenitori di Bra non si sono mai sentiti, o perché tranquilli osservatori della gara o perché sovrastati dai cori e dal tifo dei Gators’ fans. Un s.v. forse sarebbe stato più corretto, ma il sottoscritto vuol credere di essersi sbagliato e che in una finale playoff un po’ di sostegno ci sia stato anche da parte loro. SPENTA.

TIFOSERIA GATORS: 9
Gli striscioni costituiscono la coreografia, i tamburi scandiscono i cori. Non manca nulla all’attrezzatissima tifoseria di Cavalermaggiore, capace anche in trasferta di far sentire il proprio supporto. Non mollano mai nemmeno quando la partita sembra ormai segnata. Avvenuta la sconfitta, di certo si preparano a rendere infuocata la serata al Palagators. Di seguito un'immagine che esplicita l’organizzazione dei nostri tifosi. LEGGENDARIA.

VOTO SQUADRA: 6
Esplosiva nel primo quarto, ma troppo contratta nel proseguo del match. Troppe palle perse evitabili e molti tiri liberi sprecati evidenziano tutta la tensione del gruppo. La valutazione è sufficiente perché non vanno dimenticati i meriti dell’avversario, squadra davvero prestante e cinica nel realizzare. In ogni caso il bel gioco visto a tratti e le qualità del team fanno pensare a una combattutissima gara 2, dove l’auspicio sarà quello di dare tutto, indipendentemente dal risultato finale. FRENATA.

MIGLIOR AZIONE: Botta, 2° quarto, 8° minuto
Scelta una delle tante azioni vincenti del giocatore più in forma del momento. Dopo aver già punito da tre punti è guardato a vista dagli avversari. Nell’occasione, si sbarazza del difensore diretto con una finta che farebbe saltare anche gli spettatori in tribuna. Messo giù il palleggio, valuta troppo facile andare a segnare in avvicinamento, così con uno step back torna dietro l’arco per sentire il morbido fruscio della retina. VELLUTATO.

LA FOTO CURIOSA:
Viste le difficoltà incontrate contro Bra, nonché l’importanza di Gippo per la squadra, si è pensato di clonarlo in vista di gara 2. Ecco il primo esemplare, già presente in tribuna nella prima sfida. Ne serviranno almeno 5 per un quintetto tutto saggezza ed efficacia. UNIVERSALE.
--
Marco Dalmasso

2 commenti:

  1. Non riesco a capire quale sia l'originale?!?!?!

    RispondiElimina